Nessun problema: Legnaia – Pino Dragons 55-94


sabato 16 marzo 2019
PalaFilarete – Firenze

SERIE C GOLD TOSCANA
regular season – 22ª  giornata

LEGNAIA 55
PINO DRAGONS 94

parziali: 18-29, 30-55, 44-75, 55-94

CANTINI LORANO SRL LEGNAIA
Nardi 4, Rosi 2, Matteo Cambi 2, Corzani 17, Mascagni 12, Bandinelli, Lorbis 4, Scali 4, Conti 5, Cappelli, Torrini 5. Coach: Zanardo

ENIC PINO DRAGONS FIRENZE
Merlo 12, Filippi 16, Passoni 17, Goretti 17, Marotta 9, Poltroneri 0, Zappia 8, Cioni ne, Caradossi 2, Forzieri 3, Mencherini ne, Verrigni 10. Coach: Del Re.

FIBA LIVE STATS di Legnaia – Pino Dragons

Arbitri: Solfanelli Gabriele di Livorno e Frosolini Irene di Grosseto

Il derby fiorentino di Serie C Gold va, con merito, all’Enic Pino Dragons, squadra che in questa stagione ha vinto tutte le partite di campionato e tutte le partite di Coppa Toscana. Inutile sottolineare che questa è la squadra favorita per fare il salto in Serie B.

Il PRIMO QUARTO mette subito in chiaro chi è la squadra più forte. I biancorossi ospiti fanno subito la voce grossa sotto canestro e fanno vedere di cosa sono capaci al tiro. Legnaia, anche se priva di Del Secco, si comporta bene, ma chiude i primi 10 minuti di gioco sotto di 11 punti.

Nel SECONDO QUARTO viene ulteriormente rimarcata la differenza fra le due squadre, ma Legnaia, a parte una difesa a tratti troppo morbida non ha niente da rimproverarsi. Il problema, per i gialloblu, è che i ragazzi messi in campo dal Del Re giocano tutti in velocità, sia i titolari, sia le cosidette seconde linee. Nei primi 4 minuti di questo quarto Merlo mette a segno 4 triple, tanto per fare un esempio. Si va al riposo sul 30-55, risultato che rispecchia alla perfezione quanto visto in campo.

Nel TERZO QUARTO tocca a Passoni, n° 17 del Pino, a recitare il ruolo di protagonista, anche se tutto il lavoro sporco lo fa Goretti, un centro di tutto rispetto. Con Poltroneri in panchina per tutta la partita, è proprio Goretti a dare continuità al gioco degli ospiti.

Il QUARTO QUARTO non promette niente di buono, ritmi blandi, tanti errori, marcature allegre. Finchè a 4 minuti dalla sirena Zanardo non mette dentro i due ragazzi terribili Cappelli e Torrini. Il primo è il capitano dell’Under 20 e da come difende si capisce che è uno abituato a farsi rispettare. Il secondo si presenta con una tripla che fa esultare tutto il pubblico di casa. Insomma, un finale di partita scoppiettante per l’Olimpia Legnaia, come ho sottolineato nella cronaca live fatta dal Filarete. Senza dimenticare che nei 10 minuti finali Lorbis ha fatto vedere ottime cose. Questo ragazzo sta crescendo partita dopo partita.

MIGLIORE IN CAMPO: Goretti, a parte i 17 punti segnati, è quello che sposta gli equilibri sotto canestro, fondamentale anche nel far girare la palla per liberare i tiratori dall’arco. Bene anche Passoni, la cui intesa con Goretti mi è parsa eccezionale. Nelle fila dell’Olimpia Legnaia si mette in evidenza Corzani, uno che gioca sempre con la giusta concentrazione e grinta. E’ l’ultimo dei samurai.

Gli ARBITRI Solfanelli Gabriele di Livorno e Frosolini Irene di Grosseto dirigono la partita più facile della loro carriera. Fanno pochissimi errori e, nei rari casi, in cui sbagliano, nessuno protesta. Serata di assoluto riposo per loro.

Nel prossimo turno Legnaia sarà di scena a Montale in un importante scontro salvezza, mentre il Pino riceve la Pielle Livorno in quello che potrebbe essere un antipasto della finale playoff.

POST SCRIPTUM: in tribuna c’era tanta gente.

Header Photo Credit: @ Cigarafterten

Annunci